“Sonia Vinaccia, istantanee dipinte di un sogno”

“Napoli: nella Galleria Borbonica un nuovo spazio aperto da poco al pubblico con la mostra di Sonia Vinaccia, artista originaria di Capri”
26 aprile 2019
“Sonia Vinaccia, pittrice caprese: IO DIPINGO LA MIA ANIMA E QUELLA È SOLO MIA, NON È SIMILE A NESSUN’ALTRA ANIMA. L’intervista”
17 maggio 2019
Quelli di Sonia Vinaccia sono scenari che ci conducono verso un mondo migliore. I suoi sono come sogni dove le problematiche della realtà lasciano il posto all’armonia, alla solidarietà, al gioco – visto dall’artista come modo per entrare in comunione con gli altri. Il mondo preso in considerazione è quello animale, pienamente protagonista di questi lavori, tutti aventi un comune denominatore: l’ocra, utilizzato come sfondo. Le creature della natura sono dipinte da Sonia Vinaccia con una capacità tecnica elevata. Queste opere potremmo definirle delle “istantanee del suo sogno”, dove l’artista riesce a creare con precisione patafisica mondi paralleli al nostro, ma molto più belli e soavi. La sua è un’utopia che cerca di distoglierci da quelle che sono le reali problematiche, con gli animali che non sempre sono trattati come meriterebbero. Se le sue opere si presentano molto distensive, non escludono nello stesso tempo un’intensa riflessione, un significato profondo e intenso, espresso però con delicatezza e tatto, talvolta con una sottile ironia. Si deve infatti dire che le sue opere, esprimendo amore, mostrano in modo semplice e pulito come poter essere persone migliori, aspirando a un mondo dove essere buoni diventi la consuetudine e non una rarità, a un mondo dove diventi normale aiutare una persona che ti tende una mano in cerca di pietà, proprio come accade nell’immagine in cui due formiche tramite dei cotton fioc stanno cercando di ribaltare una tartaruga per farla tornare sulle quattro zampe. La citata serie sarà esposta prossimamente dalla pittrice di Capri in una personale dove troveremo i temi a lei cari riguardanti l’amore e la solidarietà, fattori che ci fanno riflettere su come dovrebbe essere il nostro sistema sociale e su come dovremmo comportarci con il “diverso”. Il diverso dopotutto non esiste, soprattutto davanti a un dolore o a un bisogno. http://ilgiornaleoff.ilgiornale.it/2019/04/24/sonia-vinaccia-istantanee-dipinte-di-un-sogno/